how to get away with murder 4x08

How to get away with Murder 4×08 – In serata con i Keating 5

1Pronti per commentare insieme How to get away with murder 4×08? Ecco la recensione!

Acquista il nuovo romanzo di Daninseries

Siamo arrivati al midseason finale della quarta stagione: spero che leggere la rece sia meno difficile di scriverla! – HTGAWM tornerà il 18 gennaio con la 4B.

E’ ciò che ci diciamo ogni volta che c’approcciamo ad un nuovo episodio di HTGAWM.
E’ ciò che un personaggio a caso dice ogni volta che inizia un season o midseason finale.
E’ ciò che comunemente si chiama “tirarsi la zappa sui piedi”.
Prima di iniziare, vi ricordo una cosa visto che non vorrei fare il guastafeste ma in fondo lo sono: da oggi per nove settimane non troveremo i nostri assassini preferiti a farci compagnia il venerdì sera, quando tutti i nostri coetanei ci spingono ad uscire e noi odiamo l’inverno quindi non vogliamo uscire. Niente paura, sarete costretti a socializzare con la punta del naso gelata ma non troppo, visto che dal 18 gennaio tornerà la 4B con tutte le risposte alle domande che questo episodio c’ha lasciato. Forse.

IN TERAPIA

Questo è Pete Nowalk che mi parla consapevole di essere un pazzo totale appena dopo aver rivisto la 4×08.
La chiusura della scorsa puntata richiedeva un duplice chiarimento: tra Isaak e l’ex moglie, rea di aver parlato ad Annalise dei suoi problemi con la paziente, e tra Bonnie e Annalise, venuta a sapere da Isaak dei movimenti della prima sotto lo pseudonimo di Julie.
Se non ci sconvolge granché la gelosia di Pam Fields per AK, lo fa sicuramente la bi o tri o tetrapolarità della Winterbottom, che dopo una stagione di odio dichiarato per la Keating nato dalla lettera di dimissioni, sostiene di volerle davvero bene e che tutte le cattiverie tra le due non sono altro che dimostrazioni d’affetto: se persino Annalise ti caccia perché le stai facendo paura la situazione è veramente grave.
Domanda: Bonnie ha suggerito al Procuratore di far testimoniare il terapista per aiutarla, come le ha detto, o l’ha fatto pensando che la tradisse? Non mi è chiaro.
Non ci resta che aspettare per sapere se AK visiterà le lenzuola di Isaak e se Bonnie quelle di Nate: la seconda la vedo male, considerato che avrà sicuramente vomitato sul divano.


I KEATING 5 – 24 HOURS EARLIER

Due minuti e mezzo in compagnia sono bastati per ridurli così. Non ce la fanno.
Questa volta sarà diversa dalle altre, non dedicherò un paragrafo ad ogni K5 perché m’hanno agitato troppo o forse perché sarebbe troppo difficile farlo senza spoilerare parti successivi della rece. Ecco però gli antefatti a that night.

  • Coliver. Con la scoperta da parte di Connor, il Raz Degan l’escluso dei K5, dei piani degli altri debosciati, si gettano le basi per catastrofi di cui sentivamo il profumo da giorni: Connor che richiede l’anello a Oli e Frank che sferra involontariamente un pugno al pancione di Laurel. Questo è ciò che succede quando si vuole fare i gradassi con Connor Walsh.
  • Masher. Che Michaela fosse d’accordo con il piano ormai lo sappiamo, mi ha sorpreso più Asher che, dopo aver martellato i cosiddetti per tipo cinque episodi decide di accodarsi “per il bene di Wes” senza mostrare nemmeno un ripensamento davanti a Connor.
  • Flaurel. Frank vola a casa di Simon per mettergli sul pc le false prove riguardo le sue ricerche su Papà Castillo e Laurel, devastata per essere l’unica non invitata alla festa, impiega le ultime ore rimanenti a imparare come materializzarsi in mezzo agli altri senza fare rumore. Il suo arrivo al party è stato degno di Hermione Granger (shot).
  • La luce. Non so se l’avete notato ma tutto l’episodio, già da 24 ore prima di that night, è stato effettato dagli sceneggiatori di verde: i K5 erano stati avvisati, se la sono voluta, riconosciuta la luce sarebbero dovuti emigrare.

 

Indietro