Emily in Paris titolo errore

Come si pronuncia correttamente Emily in Paris secondo Netflix

Netflix ha fatto sapere che c’è un grosso errore che tutti commettono nella pronuncia del titolo di Emily in Paris. Non ci credete? Leggete per credere!

Emily in Paris non smette di regalare sorprese! Lo show di Netflix, recentemente rinnovato per una seconda stagione, continua a lasciare a bocca aperta i tantissimi appassionati di serie tv.
La creatura di Darren Star, creatore di Sex and the City e Younger, fin dall’uscita ha fortemente diviso l’opinione pubblica.
Tra persone che hanno amato la serie e persone che hanno trovato il prodotto banale e irrealistico, la serie con Lily Collins oggi ci regala una nuova sorpresa. Come riportato da JustJared, negli ultimi giorni, l’account Twitter di Netflix ha fatto sapere che c’è un grosso errore nella pronuncia del titolo di Emily in Paris.

Piccolo promemoria: Emily in Paris dovrebbe essere pronunciato con l’accento francese. In questo modo, ‘Emily’ e ‘Paris’ fanno rima.

Ebbene si, cari amici lettori, avete letto bene!
Fino a questo momento avete sempre sbagliato a pronunciare il titolo di Emily in Paris.
Il titolo dello show dovrebbe essere pronunciato alla francese: Emilí in Parí (əmili in paʁi).

Leggi anche: Roe e il Segreto di Overville, il primo romanzo di Daninseries

La notizia non ha sorpreso solo noi, ma ha interamente sconvolto anche il mondo del web.
In poche ore, la tiktoker Maralee Bell è diventata virale grazie ad un video, in cui reagisce istericamente alla rivelazione riguardo il titolo di Emily in Paris.

Amici di DANinSERIES, cosa ne pensate di quanto dichiarato da Netflix? Continuerete a pronunciare il titolo di Emily in Paris come avete sempre fatto o cambierete la vostra abitudine?
E, soprattutto, siete curiosi di vedere la nuova stagione dello show Netflix? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto.

Per altre fantastiche notizie, continuate a seguirci anche su Instagram, cliccando QUI.

Acquista il nuovo romanzo di Daninseries
Un Seth Cohen con i piedi a Caserta e la testa oltreoceano. Sarcastico, disagiato e socialmente imbarazzante. Credo nei primi amori e ho una relazione immaginaria con Emma Roberts e Holland Roden, a giorni alterni. Nella vita, oltre che a guardare telefilm, studio Giurisprudenza per diventare un regular nella prossima stagione di How To Get Away With Murder.