Tom Ellis blocca utenti su Twitter in disaccordo con la moglie

Polemica contro Tom Ellis su Twitter: ecco cos’è successo

Tom Ellis in tendenza su Twitter per aver bloccato diversi utenti che avrebbero espresso opinioni discordanti da quelle della moglie, sul film Cuties.

Dopo Chris Evans, quest’oggi ad entrare nelle tendenze di Twitter è stato un altro amatissimo attore: Tom Ellis, protagonista di Lucifer. Sfortunatamente le ragioni che hanno portato il suo nome ad essere sulla bocca di tutti sembrano essere poco lusinghiere. A quanto pare, infatti, l’attore avrebbe iniziato a bloccare diversi utenti sul social, un po’ anche a caso secondo Twitter, poiché dimostratisi in disaccordo con la moglie Meaghan Oppenheimer circa il controverso film Netflix Cuties. Ma andiamo per gradi.

Cuties è un titolo di produzione francese approdato sulla piattaforma il 9 settembre. Al centro della trama troviamo una ragazzina di 11 anni con una famiglia molto tradizionale, alle cui regole decide di ribellarsi e inizia ad allenarsi insieme ad altre coetanee per partecipare ad una gara di ballo. Presentato al Sundance, aveva ottenuto un responso positivo da parte della critica, ma con l’intervento di Netflix le cose sono cambiate.

Ancor prima di debuttare aveva attirato a sé parecchie critiche. Il servizio streaming era stato ammonito per le immagini che aveva utilizzato per promuovere Cuties, raffiguranti le giovani protagoniste con un abbigliamento poco consono alla loro età, e si era trovato poi a scusarsi pubblicamente. Con l’uscita del film, le critiche si sono acuite, fino a tacciare Netflix di promuovere la sessualizzazione di queste bambine

A questo punto vi chiederete, ma cosa c’entrano Tom Ellis e Meaghan Oppenheimer? Tutto è scaturito dal seguente retweet da parte della sceneggiatrice:

Cuties si pone contro la sessualizzazione di minori. È letteralmente quello di cui parla il film. Dire che è a favore della pedofilia è come dire che Bastardi Senza Gloria promuova il nazismo.

Un utente in particolare le ha poi chiesto di chiarire il proprio pensiero sul film e la Oppenheimer ha risposto condannando la campagna pubblicitaria di Netflix, che a detta sua non rispetta il messaggio che Cuties vuole mandare, ovvero puntare il dito contro la sessualizzazione di giovani ragazze. Questa sua spiegazione ha scatenato un intenso scambio di opinioni e in molti pare abbiano travisato le parole di Meaghan. La moglie di Tom Ellis ha così cercato di puntualizzare ulteriormente la propria posizione su Twitter.

Ascoltate, state reagendo come se avessi detto che si tratta del mio film preferito e che lo adoro, e non è così. Ho detto semplicemente che il messaggio del film non era quello di celebrare la sessualizzazione, come in molti stanno sostenendo prima ancora di averlo visto, ma piuttosto quello di condannarla.

Ha poi continuato dicendo di non aver nemmeno mai lodato le modalità in cui è stato realizzato il film, specificando anche che, se vi avesse lavorato lei, avrebbe escluso le coreografie troppo esplicite, da cui lei stessa si è sentita turbata. Ma, a quanto pare, la regista sta ricevendo minacce di morte, oltre che accuse di pedofilia e la Oppenheimer non crede si meriti tutto ciò. Quindi no, non ha particolarmente apprezzato Cuties, ma questo non vuol dire che sia favorevole agli attacchi che la regista sta subendo.

La situazione avrebbe potuto tranquillamente chiudersi qui. Tuttavia molti utenti di Twitter che si sono detti in disaccordo con Meaghan si sono trovati bloccati dal marito Tom Ellis. A quanto pare non si starebbe parlando solo di maleducati e bulli, ma anche semplicemente di persone che hanno espresso un’opinione diversa da quella della Oppenheimer. Ne è dunque scaturita una serie di critiche al protagonista di Lucifer, per non parlare delle teorie secondo cui sia in realtà stata la moglie a bloccare gli account.

Dovessero esserci sviluppi sulla questione ve li riporteremo. Nel frattempo, venite a seguirci anche su Instagram cliccando QUI, per non perdervi nessuna news.

Approfittane per accaparrarti Disney+scontato con il nostro link