How to get away with Murder 6×11 – La resa dei conti

1Recensione all’ultimo episodio uscito di How to get away with Murder… ne mancano quattro!

how to get away with murder 6x11 recensione
How to get away with murder 6×11 recensione

Ok.
Niente preamboli, niente introduzioni. La frase di cui parla il twitter user qua sopra è la line più iconica dell’episodio. Inoltre, il blank di mezzo secondo che c’ha inserito l’ABC giusto per farci credere qualcuno abbia il diritto di censurare Annalise Keating mi ha fatto impazzire. Sinceramente non vedo l’ora che AK faccia saltare in aria ciascuno dei suoi nemici. Considerato quanti sono ultimamente credo ci metterà un po’.

 

ANNALISE

Se dopo l’ultimo drammatico fotogramma dello scorso episodio eravamo 100% sicuri di trovarci di fronte ad un processo per omicidio con Annalise al banco degli imputati, siamo stati come sempre sbugiardati. La polizia messicana non l’ha fermata perché Solomon, meglio conosciuto come Papà Pratt, ha spifferato all’FBI la sua geolocalizzazione, ma per aver falsificato il proprio passaporto ed essersi spostata dagli USA al Messico.

L’impertinente signora giudice che le ha dato i domiciliari ha parlato per noi con quel “tutto qui?”. Ma non è ovviamente finita qua. L’FBI, su gentile ed antipatica concessione di Nate, ha ottenuto i documenti partoriti a loro tempo da Denver. Questi spingevano per una reputazione da piromane di Annalise, accusata di aver bruciato la sua casa da bambina. Noi sappiamo da tempo, precisamente dalla 1×13, che a causare l’incendio fu sua madre, per uccidere lo zio Clide, stupratore di AK. Che giro.

L’episodio si chiude con la promessa di distruggere tutti i nemici di Annalise, Frank e Bonnie. Un po’ il potere del trio coincide col mio. Un po’ Harry, Ron e Hermione che si mettono a combattere Lord Voldemort e i Mangiamorte nell’ultimo film. Sinceramente non vedo l’ora. Trovo perfetta l’unione dei tre e l’estrema fedeltà che è sempre rimasta da parte di Bonnie e Frank per AK… Dopo le liti, gli abbandoni, scene in cui uno dei tre stava per spararsi davanti agli altri due, baci, scontri fisici.

HOW TO GET AWAY WITH MURDER – MAMMA OPHELIA

how to get away with murder 6x11 recensione
How to get away with murder 6×11 recensione

Come giustamente twittato da Pete Nowalk, una stagione di How to get away with Murder non sarebbe completa senza la presenza della regina suprema dello show: Cecily Tyson. La mamma di AK sopraggiunge nell’esatto momento in cui la figlia calza la cavigliera che la obbliga a non varcare la porta di casa ed eccoci qui, a contemplarle mentre parlano dei dilemmi della vita durante il tradizionale episodio stagionale: con questo sono sette gli episodi in cui presenzia Ophelia Harkness, perché nella quarta stagione è comparsa due volte.

Amo alla follia il modo di recitare di Cecily e il fatto che Pete, saggiamente, riservi conversazioni dagli argomenti profondi per lei e Viola: una volta si parlava di stupro, un’altra di demenza senile, un’altra della perdita del bambino di Annalise… non avrei mai immaginato che a ‘sto giro avremmo assistito a Annalise che si apre con la madre riguardo la sua sessualità e l’amore che ha sempre provato per Eve, celandosi dietro la maschera dell’eterosessualità per non soffrire. Anche Ophelia, temprata da una mentalità antica e poco aperta, si scioglie di fronte all’amore vero e, sinceramente, le loro mani strette nella scena a letto è valsa più di mille parole.

In più la lettura che mamma Keating ha dato della figlia è corretta: il bambino che sogna continuamente, che vede quando è sotto farmaci da anni e che noi abbiamo sempre scambiato per il figlio che non ha mai avuto, non è altri che sé stessa, che vorrebbe aiutare e che nessuno ha aiutato a suo tempo.

 

I K2*

how to get away with murder 6x11 recensione

*K2? K3? Connor, Michaela e Oliver sono sempre stati molto diffidenti nei confronti di AK, che probabilmente tra le tante ha avuto anche la sfiga di veder morire/scomparire gli studenti che meno si ribellavano al suo volere tenendosi i più capoccioni, ma scopri che sono veramente ingrati nella 6×11: come puoi non scioglierti dopo aver conosciuto la mamma di Annalise?!

Inutile dire che sappiamo tutti che la gif qua sopra è vera: probabilmente io avrei fatto le stesse scelte dei ragazzi, un po’ mosso dal terrore di finire in prigione un po’ mosso dalla sfiducia (immotivata) nei confronti di Annalise, ma adesso che pensano che l’FBI sia dietro la morte di Asher sicuramente faranno dietro front e invece che continuare a spifferare le mosse di AK ai poliziotti correranno da lei stessa per chiedere aiuto.

Il video che Asher ha lasciato in eredità ai K3, in cui elogia la loro amicizia e spinge loro a fare ciò che è giusto per sentirsi meglio, fa le veci del suo funerale e corrisponde un po’ alla redenzione di un personaggio che forse troppo repentinamente è passato dal bonaccione di turno al traditore meschino e bugiardo.

PS. Devo ammettere che sono un po’ preoccupato riguardo il ritorno di Wes e Laurel: mancano quattro episodi e non c’è alcun accenno al loro rimpatrio, che sappiamo ci sarà. A questo punto perché prendersela comoda? Spero non ci venga spiegato tutto all’acqua di rose in mezzo episodio perché non sarebbe da HTGAWM.

 

Indietro