harry potter cinema cina

La Cina proietterà i film di Harry Potter per rilanciare i cinema

Per l’emergenza Coronavirus, la Cina ha deciso che proietterà i film di Harry Potter nei cinema per contribuire alla ripresa dell’economia

In Cina uno dei modi di favorire la ripresa economica dei cinema sarà quello di proiettare nuovamente l’intera saga di Harry Potter. A causa dell’emergenza sanitaria globale del Coronavirus, molte delle nuove pellicole più attese sono state posticipate a data da destinarsi, perciò non ci sono molti film con cui rilanciare le sale cinematografiche.

Nonostante siano passati quasi vent’anni, la saga di Harry Potter è sempre al primo posto tra le più amate dagli spettatori. Anche nel nostro Paese, in questo periodo in cui dobbiamo restare a casa, i fan hanno richiesto a Italia 1 di trasmetterla sul canale settimanalmente. Tuffarsi nella magia della storia potrà servire a grandi e piccini in questo momento anche ad allentare un po’ tensione e ansia.

L’annuncio ufficiale

Come riporta Variety, Warner Bros ha pubblicato un poster ufficiale, raffigurante un gufo con la lettera di Hogwarts e la scritta “La magia sta tornando“. I fan in Cina sono andati in visibilio. Poter rivedere tutti i film di Harry Potter di nuovo sul grande schermo è anche come un ritorno al passato, prima dell’incubo che ha travolto il Paese e il resto del mondo. I distributori avranno anche pensato: “Quale modo migliore di riaprire i nostri cinema se non con una bella maratona dei film di Harry Potter?”

Alcune sale cinematografiche in Cina hanno tentato una riapertura, ma per adesso non vi è stato molto seguito. A Pechino, però, e in altre grandi città, sembra che i cinema si stiano preparando davvero a riaprire. Le autorità hanno autorizzato alcuni dei servizi di intrattenimento per favorire l’economia locale. Il Paese attende solo una comunicazione specifica del governo sulle norme sanitarie.

Ovviamente la Cina non ha ancora pubblicato una data di uscita ufficiale per la saga di Harry Potter nelle sale. L’emergenza è ancora alta, quindi è probabile che gli spettatori dovranno aspettare un po’ di tempo prima di poterlo rivedere al cinema.

Cora Cammarasana