film coreani

Parasite vince l’Oscar: ecco gli altri film coreani più belli da vedere

1Parasite passa alla storia vincendo l’Oscar e apre una finestra curiosa sul cinema sud coreano. Ecco quindi i film coreani più belli da vedere.

La cerimonia degli Oscar di quest’anno è stata un enorme successo. Non solo per i grandi artisti presenti e le esibizioni che hanno intrattenuto il pubblico, ma anche per i meravigliosi film che hanno riempito le sale cinematografiche per tutta la stagione.
È un grande giorno. Parasite è la prima pellicola internazionale che si aggiudica il titolo di miglior film dell’anno. Questa è la prima volta che un lungometraggio non in lingua inglese vince il premio. Come riportato da The Verge, solo altri undici titoli stranieri sono finora riusciti a ottenere una candidatura come Miglior Film; tra i più famosi: Roma, La tigre e il dragone (Crouching Tiger, Hidden Dragon), Babel e Amour. Questa vittoria potrebbe rivoluzionare totalmente gli Oscar e dopo Parasite molti altri film stranieri – e perché no, di nuovo coreani – avranno la possibilità di vincere la tanto ambita statuetta.

Come ha dichiarato Bong Joon-ho nel suo discorso ai Golden Globe: “Una volta superata la piccola barriera dei sottotitoli, avrete accesso a dei film meravigliosi”. Pellicole provenienti dai Paesi più differenti e che permettono di esplorare le diversità culturali e linguistiche.

Se avete amato Parasite, ecco altri grandi film sud coreani che dovete assolutamente vedere secondo Entertainment Weekly.

Old boy (2003)

Il regista amico di Bong, Park Chan-wook, utilizza in questo film toni molto più dark e violenti rispetto al pluripremiato regista di Parasite. Acclamato addirittura da Quentin Tarantino, che lo ha definito “il film che avrebbe voluto fare”.

Old Boy racconta la storia di Oh Dae-su (interpretato da Choi Min-sik), un uomo comune che viene rapito e tenuto prigioniero per quindici anni, per poi essere liberato improvvisamente. Dopo aver scoperto il nome del suo rapitore, il protagonista cercherà di risolvere il mistero che ruota intorno al suo rapimento.

Come definito da Entertainment Weekly, non è sicuramente un film adatto ai deboli di cuore, viste le numerose scene di combattimento e le atmosfere pesanti.

Nel 2004 cominciano le trattative per un remake, realizzato poi da Spike Lee. Dopo una lunga produzione, il film esce definitivamente nel 2013.

Indietro