How to get away with Murder 5×14 – Il parentado di Laurel Castillo

2KEATING 5 – LAUREL

How to get away with Murder 5×14 recensione

Laurel, sarò uno dei pochi, ma quando quell’offerta di immunità dalla biondina dell’FBI ti ha fatto gola un po’ t’ho capita.
Lode di merito a Karla Souza e a Liza Weil per la scena in cui Laurel e Bonnie si confrontano riguardo ciò che è accaduto a Christopher la notte del matrimonio: per me la Castillo nelle ultime stagioni è veramente pesante quanto un macigno, ma se la sua pesantezza è stato ciò che ha dato vita ad una delle scene più commoventi di Bonnie, costretta a riflettere anche sul suo passato, un po’ gliela perdono.
A coloro che erano convinti di essersi liberati nella quarta stagione una volta per tutte dei genitori di Laurel e della sua famiglia in generale vorrei dire che non è esattamente così. L’ombra di una possibile aggressione da parte della Castillo alla madre ha coperto un po’ tutta la stagione e tuttora non sappiamo perché Laurel quella volta sotto la doccia avesse un braccio pieno di graffi; non siamo troppo sicuri neanche della sua sanità mentale, ma tagliare capelli e parte del cuoio capelluto di Sandrine per poi auto-regalarsela mi sembrerebbe troppo anche per la gemella pazza di Spencer Hastings. Detto questo, il pacco dovrebbe essere stato mandato da Xavier Castillo, fratello di Laurel che da quanto raccontano i filmati del carcere è anche responsabile dell’omicidio di Nate Lahey Senior: spero solo ci spieghino il perché di tutto questo nel finale perché non posso vivere con questi dubbi un giorno di più.

 

MICHAELA

How to get away with Murder 5x14 recensione
How to get away with Murder 5×14 recensione

Adoro che Pete Nowalk adori auto-citarsi: qui Michaela sta parlando di quando nella seconda stagione Annalise le ha imposto di usare le sue boobs nel tenere buono Caleb Hapstall. A ‘sto giro il fortunato è Gabriel Maddox, che contro il suo volere si trova una brillante studentessa di legge con un bagaglio personale non indifferente parcheggiata dentro casa.
La storia di Miss Pratt, la Regina del Ballo, sta pian piano prendendo forma in questa 5B, nonostante sapessimo della sua adozione e della non integerrima madre adottiva dalla terza stagione: il suo padre biologico ha sparato alla sua madre biologica nei suoi primi anni di vita con lei presente nella stanza (è nata ad ottobre del 1987 ed è stata adottata nel 1989, dice il certificato). Non si sa il motivo ma a quanto pare le basi per una futura storyline (sperando nel rinnovo della serie) che faccia chiarezza sul passato di Michaela sono state graziealcielo piazzate.

 

COLIVER

How to get away with Murder 5x14 recensione
How to get away with Murder 5×14 recensione

Che delusione, pensavo che la password del computer di Connor fosse “davideamoredellamiavita”.
Inutile girarci intorno, ho amato follemente Oliver durante la sua prima arringa in tribunale. I motivi che hanno portato il giudice ad accettare di restituire il computer al legittimo proprietario e il modo con cui la gentilezza di Oli ha fatto breccia nel suo cuore mi sono totalmente oscuri, ma resta il fatto che la morale di questa puntata è: cinque anni di giurisprudenza non servono a niente, raga.
Ndr: avviso i gentili aspiranti avvocati in sala di essere ironico.
Tra parentesi, secondo voi arriveremo mai alla chiusura degli studi di questi poveri Cristi?