Riverdale 4×06 – danicommento

Miei cari, amati, incredibili!

è mio assoluto piacere darvi il bentornato con un nuovo, tutto per voi, Danicommento!

In realtà stavo pensando di saltare, vi dico la verità.

Diciamo che non sono riuscito a prestare troppa attenzione a questo sesto episodio, e che neanche mi è piaciuto così tanto. Stavo davvero per chiudere e lasciarvi senza nulla da leggere ma quando accadono queste cose mi sento troppo in colpa.

Non sarà un danicommento lungo come al solito, ma analizzeremo i vari punti meticolosamente.

Ho premesso che non mi è piaciuto chissà quanto questo episodio, e il perché è uno e uno soltanto: Hiram Lodge.

Il personaggio più tossico di Riverdale, la cui storia è stata interessante per i primi quattro, forse cinque, episodi della seconda stagione. Fastidioso come le donnine che ti propinano le finte offerte telefoniche, insistente quanto i commessi dei primi anni duemila di footlocker, visionario più di Paolo Brosio che vede la Madonna. Hiram è la noia in Riverdale, e più speriamo di liberarcene più torna con la stessa euforia del tipo veramente euforico dei pop up dei link streaming.

Eppure eccolo di nuovo qui, e con una protesi di meschinità chiamata Hermosa che si aggirano in città in coppia manco fossero testimoni di Geova.

Ho apprezzato Veronica, finalmente stufa, finalmente saggia. Ha persino assunto sua madre Hermione nel locale clandestino come caposala facendole un corso accelerato.

Hermione ci ha provato, si è messa in gioco per un quarto d’ora di seguito, le abbiamo dato tutti il beneficio del dubbio per l’ennesima volta, la trentaduesima da quando questa serie è iniziata. Ma niente, non ce la fa. Hermione Lodge è irrecuperabile ed è solo lo spettro del personaggio che poteva essere al fianco di Fred Andrews ai tempi della season 1.

Passiamo a Jughead preoccupato

Altro punto cardine di questa stagione è Jughead e il mistero del nonno, su cui non mi soffermo mai molto non per il mancato interesse ma semmai per il troppo: è una vicenda che mi intriga e su cui non ho molto da aggiungere se non lo scoprire dove andranno a parare. Cole quest’anno è isolato dal resto del gruppo, ha una sua centralità, tutta la storia del nonno di Jug è molto particolare. E con l’assurdo e inspiegabile suicidio di Chippin il mistero si fa ancor più interessante. Sappiamo che Jug morirà (sicuramente non succederà) e ci stiamo avvicinando a capire come. Quello che deve fare ora, come dice anche Betty, è darsi una rilassata.

Archie non lo commento. Non si è spogliato per il terzo episodio di fila, sono basito e infastidito. Questa storia del giustiziere in stile Arrow da centro sociale contro la gang criminale ha già stancato. Pare che questo Dodger sia il boss della malavita che ha da sempre il controllo del ghetto di Riverdale. Ma dove sono i Serpents? Dov’era quando c’erano i Goulies? Gli è anche andato sotto casa coi mitra a sparargli, ma nemmeno nei film distopici di second’ordine. E in più, dopo anni che sei inguaiato con tuo suocero mafioso, cosa fai? Vai a chiedere aiuto a lui e ricominciare il teatrino del “ti ho in pugno”?! Qui si fa un passo avanti per farne tre indietro.

Betty e la macchina della verità

Qualche gioia qui fortunatamente ce la regala Bettina e la sua voglia di smascherare i pazzi, che spesso o sono suoi familiare o mitomani. Il suo prossimo obiettivo è Charles, dopo aver scoperto che… tenetevi forte… aveva una relazione con Chic. Il suo finto fratello, nonché Gargoyle King, si bombava il suo vero fratello. Che inciucioni.

Ciò che negli anni tutti i personaggi che hanno avuto a che fare con Betty avevano in comune era una sola cosa: il voler essere l’Umberta. Tutto Riverdale si basa sull’annosa domanda: Umberta si nasce o si diventa?

Se la regia riesce vorrei un rvm della seconda stagione, per spiegarmi meglio: il primo incontro tra Chic e Jughead

Hal, Chic, adesso Charles. L’Umbertosità di Betty è sempre stata messa in discussione e la macchina della verità può rivelare cosa realtà voglia Charles, forse.

Hermione Ferilli in “Una Passione Intramontabbbbbile”

Dio li fa, e pure gli scarti accoppia.

Vi avevo detto che sarei stato più breve oggi, ma spero non meno intenso.

Vi invito a seguirmi su Instagram (daninseries) e a continuare con i danisondaggi (ho 3 episodi arretrati, domani facciamo un puntatone meraviglioso assieme).

TroppeInformazionemente vostro,
Dani

*bonus track: Chic&Charles, la versione gaia e malvagia di Chip&Ciop*