How to get away with Murder 6×08: Tiriamo le somme – Recensione

1Recensione agli ultimi tre episodi di How to get away with Murder… l’ultima prima del midseason finale!

Ho sempre cercato di restare il più oggettivo possibile nella stesura di queste recensioni di HTGAWM, che continuerò a scrivere fino all’ultimo episodio perché voglio troppo bene a Pete Nowalk per non farlo, ed è proprio per questo che ora scriverò una cosa che mi costa un po’ scrivere. Per la prima volta ho visto degli episodi che ho volontariamente evitato di recensire perché non c’era granché da dire. A me How to get away with Murder piace tantissimo e ormai mi sono affezionato troppo ai personaggi per non provare interesse nel vederli anche solo giocare a carte per quaranta minuti però ho trovato soprattutto la 6×07 un po’ sotto tono.
Fatto sta che siamo arrivati all’ultimo episodio prima del midseason finale (L’ULTIMO, PIANGO) e mi è d’obbligo approcciarmi a delle mini-teorie, che formulo ogni anno e che non indovino da quella celebre volta in cui ho anticipato la morte di Wes Gibbins di tipo tre episodi.

 

SNOW WHITE

Non starò qui a spiegare i casi secondari delle varie puntate 1 perché non me li ricordo 2 perché non erano rilevanti 3 perché arrivati all’ultima stagione gradirei che non venisse sprecato un minuto per cose non rilevanti.
Quel che invece posso dire è che il caso di oggi parlava di Snow White. Snow White in questo caso era AK? Se sì, come salviamo Snow White da un’accusa per omicidio? O era la Regina Cattiva? Di questo parliamo più tardi.
AK sta rivoluzionando la sua vita uscendo con un cliente che la invita a cena, le prende il cappotto e le insegna passi di danza ignorando il fatto che la vera chiave della felicità per lei sarebbe volare a New York o ovunque sia ora Eve per strapparla dalle mani dell’attuale fidanzata. Nel frattempo intorno a lei la gente fa casino: Nate e Bonnie hanno messo in moto una citazione in giudizio contro la Governatrice per il caso di Nate Lahey Sr e Teagan scambia AK per una psicologa improvvisamente raccontandole dell’incidente aereo durante il quale ha perso la sua famiglia. E poi Bonnie e Frank? Prima Frank corre da Annalise per confessarle che ama Bonnie all’infinito, poi, quando ancora Annalise è nello sgomento più totale, i freni di Bonnie (grazie agli scagnozzi di Governatrice/Xavier) smettono di funzionare e la costringono a fare l’ennesima visita in ospedale nel giro di tre giorni, considerato che Frank ne è appena uscito. Insomma: Snow White non ne può più.

 

CASO CASTILLO

Ne ho praticamente già parlato nello scorso paragrafo ma, magari saltando 21094 di quei passaggi intermedi che ho capito tipo per i tre secondi successivi all’averli visti e che ho dimenticato subito dopo perché non ho un super brain, voglio dirvi com’è finita: Xavier Castillo è stato denunciato dalla guardia corrotta per l’omicidio di Nate Lahey Senior. Chi se ne riesce a tirar fuori è la Governatrice, che sostiene che l’unico complice dei Castillo fosse Emmet Crawford, guarda caso morto in circostanze misteriose.
Non finisce qua, il caso Castillo: quando tornerà Laurel? Pare succederà molto presto e sinceramente ne sono contento… mi mancano i suoi spoiler.

 

Indietro