Game of Thrones 7×07: Gli Estranei arrivano nel 2019 – Recensione

5E famolo sto meeting

Viene organizzato a Fossa del Drago quello che passerà alla storia come il Meeting più imbarazzante del Westeros. Si è concentrato un tale livello di disagio tra quelle mura che non sapevo neanche più cosa pensare. Erano tutti lì e sembrava un gigantesco bug, un errore del sistema. Cosa ci fanno Cersei, Jon, Daenerys, Tyrion, Jaime, Brienne, il Mastino, Davos, Theon, Euoron, la Montagna, Jorah, Missandei, Bronn, Varys e Qyburn tutti nello stesso posto?

Principalmente, si scambiano sguardi. Alcuni sono così imbarazzati ed espliciti che si può proprio percepire quali siano i loro pensieri.

Prima di iniziare l’incontro però, Daenerys deve fare sfoggio di tutta la sua forza e piazza Dothraki e Immacolati davanti ad Approdo del Re.

Bronn e Jaime però hanno altre preoccupazioni…

Esatto. Esatto Bronn.

Dunque, l’allegra combriccola arriva ad Approdo del Re e si dirige verso la Dragonpit. Si chiacchiera del più e del meno.

Ci sono tanti incontri. Tyrion rivede Podrick e Bronn, il Mastino rivede Brienne e accade una cosa che non avevamo previsto. 

Tormenne WHO? BRAIME WHO? Conosco solo una ship e si chiama Briestino. Insomma, dopo una lunga camminata entrano nell’arena e scoprono che Cersei non è ancora arrivata. Si piazzano dentro l’arena e passano alcuni minuti assolutamente in silenzio nel più totale imbarazzo, in cui ognuno è indeciso se dire qualcosa per rallegrare l’atmosfera o tornarsene sulla barca a fare uno spuntino. Roba che erano meno imbarazzanti le riunioni con Stannis e Melisandre.

Finalmente Cersei si palesa in tutta la sua estrema regalità, insieme a suo fratello Jaime, quella porcheria vivente di Qyburn (ha preso il posto dell’Alto Passero per quanto riguarda l’odore di grana stagionato di cui è pregna la sua tunica), Euron fingerinthebum Greyjoy e la Montagna.

La riunione potrebbe pure cominciare, dice Cersei. Io avrei un certo languorino, aggiunge Davos che già pensa ai suoi cipollotti di Tropea tristemente abbandonati sulla nave. Missandei si chiede cosa ci sta a fare lì, Varys si mette le mani in tasca. Brienne guarda Jaime e non capisce più niente. Jaime è imbarazzato. Dove sta Daenerys raga?

“Arriverà” ci informa Tyrion.

E infatti è così.

Proprio una cafonata direi, che bisogno c’era di arrivare così col drago? Cersei fa di tutto per sembrare non impressionata ma dentro di sé muore dalla voglia di possedere anche lei un giocattolone del genere. Ma ve la immaginate se avesse un drago? Quali meraviglie avrebbe già compiuto? Avrebbe giù ucciso il Re della Notte e si sarebbe auto proclamata Regina degli Estranei. Che forte.

Invece quell’altra arriva, si spolvera il cappottino, prende posto e Cersei che è già psicologicamente sull’orlo di una crisi, inizia a scalpitare.

Il grande incontro può iniziare.

Ginevra, 24 anni. Ha frequentato il Liceo Classico e ora studia lingue moderne. In un'altra vita avrebbe voluto fare arte o forse teatro, ora invece le piacerebbe diventare sceneggiatrice, giornalista, o forse illustratrice. Le piace disegnare, leggere, recitare, scrivere, mangiare, ridere, dormire. Ha una cagnolina di nome Lady Sansa Stark. Ogni tanto dicono di lei che assomiglia ad Ygritte così ne ha fatto un cosplay.