ellen page contro chris pratt

Ellen Page contro Chris Pratt: l’attore supporta una chiesa anti LGBTQ

1Ellen Page contro Chris Pratt: l’attore parla del suo orientamento religioso durante un’intervista, ma all’attrice la cosa non piace. Ecco cos’è successo.

AGGIORNAMENTO 12/02/19 – Dopo le critiche mosse dall’attrice Ellen Page, Chris Pratt ha dato la sua risposta in alcune storie sul suo profilo Instagram, come riporta Just Jared. Inizialmente, Ellen Page si era mossa contro Chris Pratt, che non aveva rilasciato una dichiarazione riguardo la faccenda. Non essendo chiaro il ruolo dell’attore all’interno della chiesa, tanto meno il suo punto di vista rispetto ai diritti della comunità LGBTQ, l’attrice si era indignata. Ma ora è arrivata la risposta dell’attore, che vedremo al cinema il 26 aprile con Avengers: Endgame.

“Recentemente è stato dichiarato che io appartengo a una chiesa che odia le persone e detesta la comunità LGBTQ. Tutto questo non può essere più lontano dalla realtà di così. Io frequento una chiesa che apre le proprie porte a chiunque”

“Nonostante quello che la Bibbia dice riguardo il divorzio, la mia chiesa è stata al mio fianco in ogni momento del mio cammino, senza giudicarmi ma accompagnandomi sempre. Mi hanno aiutato offrendo il loro amore e supporto. Ho visto il sostegno e l’aiuto che hanno dato, in innumerevoli occasioni, a chiunque, non badando all’orientamento sessuale, al genere o alla razza”.

“La mia fede è estremamente importante per me, ma nessuna chiesa definisce me o la mia vita. E non sono il portavoce di nessuna chiesa o nessun gruppo di persone. I miei valori definiscono chi sono. Abbiamo bisogno di meno odio in questo mondo, non di più. Sono un uomo che crede che tutti possano liberamente amare chi desiderano, al di là dei giudizi altrui”.

“Gesù dice ‘ Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri’. Questo è il credo che mi guida nella mia vita. Lui è un Dio dell’Amore, dell’Accettazione e del Perdono. L’odio non ha spazio nel mio o in questo mondo”.

L’attore Chris Pratt, famoso per i suoi ruoli in Jurassic World e nella saga de I Guardiani della Galassia, è stato intervistato al The Late Show With Stephen Colbert. Durante la serata, Pratt ha parlato del suo orientamento religioso e della chiesa alla quale è devoto. Ma la cosa non è piaciuta a Ellen Page, protagonista della nuova serie in arrivo su Netflix The Umbrella Academy, che ha voluto dire la sua contro Chris Pratt e la chiesa in questione.

Infatti l’attrice Ellen Page, portata alla ribalta per il suo ruolo in Juno e famosa attivista LGBTQ, ha espresso il suo dissenso contro la posizione che la chiesa a cui Chris Pratt è fedele ha voluto prendere rispetto all’omosessualità. L’attore ha voluto condividere con il pubblico un percorso che ha terminato insieme al suo pastore, ovvero la 21-day Daniel Fast. Si parla di un digiuno, che Chris Pratt ha da poco concluso, supportato dalla comunità della chiesa in questione. Lo stesso pastore avrebbe anche condiviso con Chris Pratt delle parole di saggezza riguardo al come gestire la fama e la pace interiore.

“Se le luci della ribalta che ti illuminano brillano più della tua luce interiore, questo ti porterà alla disfatta” – ha spiegato Pratt.

La chiesa frequentata da Chris Pratt è la Hillsong Church, sostenuta anche da Kendall e Kylie Jenner, Justin Bieber. È nata in Australia ma ha luoghi di culto anche a New York e Los Angeles.

Lo scandalo della Hillsong Church

Variety riporta che Carl Lentz, colui che si occupa del ramo di New York, è finito al centro del ciclone quando nel 2015 ha espressamente dichiarato che l’omosessualità è un peccato e che le persone gay non potranno mai occupare una posizione di leadership nel mondo del lavoro. Lo stesso anno Brian Houston, il pastore più anziano della Hillsong Church, ha espresso il suo dissenso quando due uomini, membri della chiesa, si sono sposati.

Ellen Page non ha aspettato molto a far sentire la sua voce, attraverso un tweet di polemica rispetto alle politiche della chiesa e contro Chris Pratt. La ragazza ha fatto coming out nel 2014 e da allora si è battuta con tutte le sue forze per proteggere i diritti LGBTQ. Nel 2016, inoltre ha anche condotto una serie di documentari di Viceland intitolata “Gaycation”, riguardo la cultura LGBTQ nelle varie parti del mondo.

Ma ecco le sue parole.

Indietro