grey's anatomy 14x05

Grey’s Anatomy 14×05: che ne sarà di Riggs? – Recensione

1Dopo una breve pausa torna Grey’s Anatomy e ci porta indietro nel tempo per capire le vicende riguardanti Nathan, Owen e Megan…

Acquista il nuovo romanzo di Daninseries

Comincio la recensione di questa settimana così, con l’emblema dello spaesamento, perché sento davvero che mi rappresenta. Dopo una settimana di pausa, il ritorno di Grey’s Anatomy è stato, almeno a mio avviso, piuttosto sottotono. Non mi ha dato molti spunti e questo non mi piace…

Per quanto possa essere interessante approfondire il background dei personaggi che tanto amiamo, questa puntata mi è sembrata riempitiva, a tratti noiosetta e piuttosto autoconclusiva. Le grandi storie della Rhimes che fine hanno fatto? Qui si aprono e chiudono capitoli ad oltranza, senza dare a nessuno di essi uno spessore tale da farci trattenere il fiato. Sarà anche perché ormai sono passati troppi anni? Chissà, ma sinceramente quel che ci è stato detto in 40 minuti poteva essere ridotto a 10 minuti scarsi di episodio.

La puntata è stata un continuo andirivieni passato/presente, tramite dei flashback che hanno visto protagonisti Nathan Riggs, Owen Hunt, Megan Hunt e Teddy Altman. Li vediamo nel problematico contesto degli accampamenti militari, che li ha uniti e al tempo stesso divisi.

Scopriamo finalmente come è andata tra Megan e Nate, risalendo alle origini del suo tradimento. Certo, con il mezzuccio della “collana da matrimonio” Riggs ha davvero toccato il fondo, scavato e toccato il fondo ancora più in basso. Ma non mi aspettavo che anche la piccola Hunt avesse tradito a sua volta il fidanzato. E questa è stata la più grande rivelazione della puntata… e quiiiiindi…

In tutto questo, troviamo sia nei flashback che nelle scene odierne un Owen piuttosto intransigente, un fratello maggiore a volte troppo intento ad aggrapparsi alla sua morale per rendersi conto delle esigenze degli altri. C’è una continuità tra il personaggio del passato e questo e credo che il tutto si colleghi anche alle disastrose relazioni di Hunt. Basti pensare che anche allora stava per sposarsi con una tizia X e anche allora il divorzio era dietro l’angolo.

Che sia una maledizione? Sarebbe facile dirlo, ma credo che proprio Megan abbia riassunto in tre secondi quello che stiamo tutti dicendo da più o meno un paio di stagioni: Owen è troppo ancorato alle sue idee e non è disposto quasi mai a metterle in dubbio. Merita la sua felicità, merita la famiglia dei suoi sogni, ma dovrebbe cominciare a rendersi conto che non può ignorare la realtà che lo circonda e che, spesso, è lui stesso a scegliersi.

E questo ci porta ad Amelia

Indietro

Nessun Articolo da visualizzare