The Originals 5×08: La Chambre de Chasse – Recensione

The originals 5x08 recensione

1Finalmente i Mikaelson si riuniscono anche se solo sul piano astrale. Vediamo cosa è successo in questo episodio

Ti aspetto sul mio profilo Instagram!

THE ORIGINALS 5X08 RECENSIONE – La puntata si apre nell’ennesima Chambre de Chasse dove Klaus e Elijah sono stati rinchiusi nell’episodio precedente. Ma ben presto scopriamo che non sono soli, con loro ritroviamo la famiglia al completo, Kol, Rebekah e Freya, e anche Marcel.

L’unico modo per uscire è trovare delle chiavi, una per ogni Mikaelson, per poter aprire la porta. Gli originali capiscono subito che la prigione deve essere stata costruita da qualcuno che conosca la fortezza alla perfezione e pensano a Vincent.

L’arrivo di Marcel smentisce però questa ipotesi rivelando che si tratta della stessa Hope che vuole liberarli dal vuoto in modo da salvare la città, ormai giunta alla penultima piaga.

Tutti si mettono alla ricerca della propria chiave rivivendo ricordi del passato legati ad Hope, ma soprattutto ad Hayley. Elijah, non riuscendo a trovare la sua perché non ha ricordi legati a quella casa, chiede aiuto ai fratelli. Da Kol scopre che lui e Freya hanno contribuito alla morte di Davina e ne rimane sconvolto. Da Klaus scopre che il suo legame con Hope era fortissimo e che addirittura è stato lui a suggerire, indirettamente, il nome da dare alla piccola.

Rebekah e Marcel si ritrovano per la prima volta dopo che lei lo ha lasciato all’altare e la ragazza fa finta di non amarlo e ribadisce che per lui è un bene rimanerle distante perché lei gli farebbe solo del male.

Ma la Chambre de Chasse nasconde altri segreti

Indietro