The Flash 3×22- Colpo di scena sul finale


Ragazzi non so voi ma io devo ancora riprendermi da questa puntata di The Flash. Premetto che per natura mi tengo lontana dagli spoiler quindi veramente se era già trapelata qualche indiscrezione su ciò che abbiamo visto, io non ne sapevo nulla, il che ha contribuito a farmi fissare il vuoto per almeno cinque minuti dopo la fine dell’episodio.

L’episodio si intitola “Infantino Street“, il luogo che sin dall’inizio sappiamo sarà il palcoscenico della morte di Iris e dall’inizio dell’episodio tutto il team lavora senza sosta per evitare che l’imminente tragedia si consumi.

Il ritmo dell’episodio è incalzante ma soprattutto si percepiva la tensione dei protagonisti anche attraverso lo schermo. In pratica abbiamo vissuto tutti con molta empatia quelle che potevano essere le ultime 24 ore di Iris West, in un susseguirsi di emozioni e di scene che spaziano dall’azione e le cariche di adrenalina ai momenti fatti di ricordi e lacrime a fiumi.

BARRY E SNART

Barry è disposto veramente a tutto per salvare Iris, al punto che arriva nuovamente a viaggiare nel tempo per riportare tra i vivi Leonard Snart, il villain meno villain di tutti i tempi, deceduto tra i Legends of Tomorrow.

Il tutto per mettere in atto una rapina al quartier generale dell’ARGUS, espediente perfetto per l’apparizione di Lyla e per ricordarci che The Flash è uno spinoff tratto da Arrow. (Io, invece, ci tengo a ricordare che è anche un caso esemplare di quando gli spinoff superano di gran lungo la serie madre).

Riuscito ad impadronirsi della tecnologia in grado di intrappolare Savitar nella sua speed force, la battaglia per salvare Iris si combatte su due fronti: da un lato Barry contro Savitar, dall’altro Caitlin contro Cisco.

Non ho ben capito il ruolo di Caitlin in questa storia stavolta: ad un certo punto Savitar le chiede se ha capito bene il suo compito, che dovrà portare a termine senza avere ripensamenti.

Se Caitlin pare l’abbia capito, io sto ancora a chiedermi qual è, perchè all’interno di un piano strategico sembrerebbe che Killer Frost abbia il compito di allontanare Vibe dal campo di battaglia principale, ma finora niente aveva fatto supporre che Cisco fosse fondamentale per sconfiggere Savitar. Mi ha fatto decisamente ridere poi la scena in cui si è osannata da sola dicendo di voler diventare una dea, decisamente lontana dall’umiltà di carattere che contraddistingue Caitlin.