La Bella e la Bestia censurato in Malesia: la Disney risponde

la bella e la bestia

1Nuove lamentele per La Bella e la Bestia: questa volta la Malesia vuole che sia rimossa la scena gay. Ma la Disney non è d’accordo.

Ti aspetto sul mio profilo Instagram!

Questo film de La Bella e La Bestia il mondo proprio non ce la fa a tenerselo stretto.

Di lamentele da Paesi indignati ne abbiamo avute davvero fin troppe. Prima l’Alabama, poi la Russia, tra Paesi che mettono il limite d’età e altri che lo censurano direttamente, ne stiamo sentendo di tutti i colori.

Il tutto per una scena gay che vede protagonista un dolcissimo e impacciatissimo Le Tont (Josh Gad). Che poi parlare di “scena gay” è davvero un’esagerazione. Il tanto chiacchierato “scandalo”, infatti, non sarebbe altro che una canzone che Le Tont canta a Gaston, non si sa se piuttosto esplicita o meno, aggiunta ad una scena in cui il pasticcione balla con un uomo. Quindi, in pratica, stiamo parlando di scemenze.

Ma la Malesia, come il Mondo ben sa, l’omosessualità non solo non l’accetta, ma la punisce. Il sesso gay, infatti, è punibile con vent’anni di galera. E se si è arrivati a chiedere una versione censurata alla Disney, vuol dire che il mondo tanto avanti non è andato.

La Walt Disney, come è giusto che sia, ha rispedito al mittente la richiesta di una censura.

Ma non è tutto.

Indietro
Nata e cresciuta nel Pescarese, svezzata a latte e arrosticini, Erica è fermamente convinta di essere una principessa Disney capitata per caso in un'altra realtà. Per conformarsi è diventata una nerd, seguendo una miriade di telefilm senza troppi scrupoli e innamorandosi perdutamente del cinema. Nella vita studia, canta in un coro e scrive racconti.