Le attrici di Arrow e Supergirl rispondono alle accuse contro Andrew Kreisberg

1Dopo essere stato accusato di molestie sessuali, Andrew Kreisberg viene criticato dalle protagoniste di Arrow e Supergirl. Ecco le parole delle giovani e di altre star.


lasciaci un like su facebook e su instagram


>>> CLICCA QUI PER IL MIO PROFILO

Pochi giorni fa è scoppiato il caso Andrew Kreisberg. Lo showrunner delle serie CW è stato infatti accusato di aver molestato nel corso degli anni 15 donne e 4 uomini. Naturalmente la Warner Bros l’ha immediatamente sospeso dal suo incarico, nonostante l’uomo abbia negato ogni cosa. Tuttavia, nelle ultime ore, le protagoniste femminili di Arrow e Supergirl hanno voluto lanciare un messaggio, commentando l’accaduto.

La prima ad esprimersi è stata Melissa Benoist, che veste i panni di Kara Danvers. Ecco cosa ha affermato la giovane:

“Sono una donna protagonista di uno show che supporta l’uguaglianza, il femminismo, l’autoaffermazione e il combattere per ciò che è giusto. Ho sempre cercato per quanto mi riguarda di comportarmi in questo modo. Purtroppo, lo show e la mia carriera fanno parte di un’industria che non sempre rispecchia questi sentimenti. Questo mi spezza il cuore, e certe volte mi fa sentire inerme. So di non essere l’unica a sentirsi così. Ma sono ottimista. Credo che un cambiamento sia possibile, e quando le persone vengono maltrattate, dovrebbero avere un posto sicuro in cui esprimere la propria verità ed essere sempre ascoltate. E quando le persone commettono dei crimini o molestano gli altri, dovrebbero essere sempre considerati responsabili, non importa in quale industria lavorino o che potere abbiano. Ne ho già parlato in passato, sia pubblicamente che non, e continuerò a farlo. Tutti noi dovremmo farlo, senza paura o vergogna. Dovremmo attenerci ad uno standard più alto. Quindi questa settimana, tornerò a lavorare sul set di Supergirl con un maggiore impegno per cercare di contribuire a cambiare la norma, ascoltando le persone che fanno sentire la loro voce e rifiutandomi di accettare un ambiente che non sia sicuro, rispettoso e collaborativo.”

Ma non è tutto.

Indietro