Ruby Rose accusata di essere troppo poco gay per il ruolo di Batwoman risponde alle critiche (VIDEO)

Ti aspetto sul mio profilo Instagram!

Batwoman Ruby Rose accuse: la nuova protagonista della serie è stata oggetto di polemiche. Dopo aver risposto ha lasciato i social.

Batwoman Ruby Rose – Pochi giorni fa è stata annunciata una nuova serie TV appartenente all’ArrowverseBatwoman. L’eroina apparirà per la prima volta durante il crossover in onda in America a dicembre che riunirà Arrow, The Flash e Supergirl. 

Fin da subito gli autori resero nota la descrizione del personaggio protagonista e dell’attrice che cercavano, ovvero di una ragazza dichiaratamente gay. La scelta finale è stata Ruby Rose, conosciuta principalmente per il suo ruolo in Orange is the new Black.

La star ha fatto coming out all’età di 12 anni, ed è molto attiva per quanto riguarda la lotta per la parità di diritti. Il suo annuncio come Batwoman ha riscontrato tantissimi apprezzamenti ma c’è anche chi ha criticato questa scelta.

Batwoman Ruby Rose accuse: le critiche e l’addio social

Una parte del fandom DC ha trovato l’attrice non adatta al ruolo e alcuni di questi hanno rivelato un motivo assurdo per spiegare la propria idea. Questi utenti hanno iniziato a bombardare i profili social di Ruby Rose con pesanti offese, tanto che l’attrice è stata costretta a chiudere il suo account Twitter e a non permettere di ricevere commenti su Instagram.

Questi “fan” avrebbero riempito la Rose di messaggi in cui scrivevano che lei non era adatta a ricoprire il ruolo di Batwoman perché troppo poco omosessuale.

Prima di abbandonare Twitter però l’attrice ha scritto un messaggio a tutte queste persone che l’hanno accusata, come ha riportato anche The Hollywood Reporter:

Come si può dire “Ruby non è lesbica e quindi non può essere Batwoman?” È la cosa più ridicola che abbia mai letto. Ho fatto coming out a 12 anni. E negli ultimi cinque anni ho dovuto sopportare sempre frasi del tipo “lei è troppo gay”. Come si fa ora a rigirare la frittata? Non sono cambiata. Vorrei che ci supportassimo tutti a vicenda nei nostri percorsi di vita.

Quando noi donne e altre minoranze uniamo le forze siamo inarrestabili. Invece quando siamo proprio noi a buttarci giù a vicenda fa ancora più male. Ma ehi mi piacciono le sfide, vorrei solo che le donne e la comunità LGBT si supportassero maggiormente. Il mio desiderio è che ci sia più gentilezza e supporto in giro. Vi mando tutto i mio amore e gratitudine, è stato un anno di alti e bassi, in particolare questo mese.

Non vedo l’ora di dormire più di 4 ore a notte e staccarmi da Twitter per focalizzarmi interamente sui miei due progetti futuri. Se avete bisogno di me, sarò al mio Bat-Telefono.

 

Giulia

Potrebbero interessarti anche: