The Flash 4×06: When Harry met Harry – Recensione

Ti aspetto sul mio profilo Instagram!

Bentornati a Central City, eccoci di nuovo in una puntata di The Flash che potrei definire “old style”, completamente diversa da quella scorsa il cui tono era decisamente più frivolo e leggero, stavolta si è tornati sul focus centrale del supereroe e su una trama decisamente meno teendrama, ricca di azione.

L’intera trama si basa sull’insolito duo formato da Barry e Ralph: avevamo messo momentaneamente da parte l’attenzione verso quest’ultimo, ma ecco finalmente arrivato il momento in cui vediamo Ralph alle prese con la palestra da supereroi, imparando da Barry cosa vuol dire realmente lavorare in team e al servizio della città. Lasciatemi solo dire che Ralph sembrava decisamente un preservativo con quel costume, non aggiungo altro.

Barry è oramai deciso a capire che c’è dietro la creazione dei nuovi metaumani, per questo parte la caccia al villain di stagione, alias Devoe, senza però tralasciare il villain dell’episodio che stavolta ha un potere davvero originale: portare in vita oggetti inanimati.

Barry e Ralph

Villain del giorno a parte, Ralph e Barry collaborano soprattutto per smascherare Devoe, quindi è su di lui che si focalizzano maggiormente, regalandoci delle scene che mescolano sapientemente azione ed ironia.

I due sono uno l’ìantipodo dell’altro: da un lato Barry, timido, candido, pulito. Dall’altro Ralph, arrogante e un po’ spaccone, molto sicuro di sé. Per intenderci, Barry è il bravo ragazzo, Ralph è quello con cui vai al ballo del diploma.

Le gaga tra i due sono state divertenti e hanno riscosso abbastanza successo, facendo capire facilmente che il duo è destinato a funzionare.

1
2
Disagiata in ogni aspetto della mia vita, sono attratta dalle serie tv come le api col miele. Ho una seria dipendenza dalle ship, e credo nei primi amori, ecco perchè cerco ancora di capire il motivo per cui Joey è finita con Pacey e non con Dawson!